Gli amanti…

Images-Cenacolo-Pittura-ScartozziG-foto-Amanti

<<Cosa? Ma non è vero, sei stupenda, sei..sei…>>

I loro corpi si avvicinarono. La piazza deserta, senza neppure una macchina, assecondò il suono di quei baci intensi, e brevi allo stesso tempo.

<<Non voglio lasciarti andare via.>>, eccitato la guardò.

<<Allora non farlo, nessuno ti costringe a farlo.>>

Nel caldo della sua stanza, Filippo trascinava Patricia verso un territorio senza ritorno, quello del sesso che non ti lascia pensare, fatto di mani, lingua, dita, pelle e sensazioni uniche.

Come pioggia le sue lacrime interiori cadevano dalle lenzuola al pavimento.

Gocce di sudore e lacrime, e sangue, e gioia.

Infine, il piacere e il dolore per il momento in cui si assume la consapevolezza che quel lampo è finito, mentre lo guardo viene rivolto al soffitto.

Un ultimo leggero movimento orizzontale e un bacio chiudono un momento che si vorrebbe fermare per sempre, tra i nervi tesi delle cosce.

Filippo la tenne strettamente abbracciato a sé per tutta la notte fino al mattino.

Fino a quando non suonò il campanello.

Patricia aprì di colpo gli occhi, senza realizzare inizialmente dove si trovasse.

<<Cazzo! Cazzo! Alzati!>>, sobbalzò tirandola sù per un gomito.

<<Ma che caz… non capisco, che significa alzati!>>

<<E’ la mia fidanzata cazzo, mi fa il culo a strisce se ti trova qui!>>

Si sentì nei guai fino al collo, ancora invischiata nell’ennesima situazione di merda.

<<E quindi? che cazzo ti aspetti che faccia? Che mi materializzi all’istante????? Sei uno stronzo, potevi anche dirlo che hai la ragazza, ma che razza di pezzo di merda sei?>>, si vestì nel panico più completo.

<<Presto, esci dalla finestra, aspetta, anche il braccialetto, prendi tutta la tua roba.>>

<<Dalla finestra??? Sei forse impazzito? E poi ci saranno sei gradi là fuori a quest’ora! Perché cazzo non me lo hai detto, non sarei mai venuto a letto con te!?>>

<<Sì che lo avresti fatto, perché era quello che volevamo. Ed ora vai, se apro a quella iena e ti trova qui, sono spacciato.>>

Patricia scavalcò la finestra, per fortuna Filippo abitava al pian terreno, almeno non si trovò costretta a fare un salto rischiando di rompersi una gamba, ma aveva i piedi gonfi per colpa dei tacchi e quindi camminava molto lentamente.

Quella situazione così assurda era stata l’ennesima delusione che aveva recuperato.

Tornò a casa infreddolita e arrabbiata. Erano ormai le nove passate e Milano si rivestiva di tailleur e giacche, intente a dirigersi negli uffici.

Si distese sul letto del suo cubicolo, nel suo minuscolo monolocale e sentì freddo, tanto freddo.

Poi il telefono suonò. Era un messaggio dello stronzo: “Voglio rivederti, perdonami per quello che è successo.”

Un altro “Perdonami”, l’ennesimo “Voglio rivederti.”

Per cosa poi? Per farla diventare l’amante del mese? Per vedersi solo per scopare?

No. Non era quello che lei voleva.

Letizia T.

Paint: G. Scartozzi – “Amanti”

TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI, VIETATA  LA RIPRODUZIONE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...