“Ci sono due tipi di dolore: il dolore che fa male, e il dolore che ti cambia”.

Immagine correlata

 

“Ci sono due tipi di dolore: il dolore che fa male, e il dolore che ti cambia”.*

È stato come se questa frase fosse sempre dimorata nel mio interno, come se mi fosse sempre appartenuta, come se avessi da sempre voluto scriverla ma non avessi avuto con me il  taccuino né una penna per puntellarla sul palmo della mano, così da poterla ricordare.

Come un cassetto pieno di indumenti che esplode quando viene aperto, lei è giunta dritta nel mio petto e mi ha fatto riflettere; è stata l’ennesima che mi ha proiettata verso qualcosa che sembrava stesse comunicando proprio con la sottoscritta.

Mi ha fatto pensare che il più delle volte il dolore è da ricollegarsi ad una vera e propria felicità provata in precedenza, impalpabile, ma vera.

Perché spesso accade che tu sia felice e che arrivi a ritenere quella felicità troppo forte, quasi non adeguata al tuo stato di sempre, poiché sei più abituato a doverla ricercare in ogni anfratto della tua quotidianità piuttosto che avvertirla in maniera istantanea, forte, come fosse un’influenza che pervade il tuo intero corpo e lo scuote con una vertigine febbricitante.

Lasci che sia il senso di colpa ad aleggiare nella tua mente, senza invece pensare che quella felicità te la sei meritata.

Così facendo spontaneamente te ne privi e ricominci a vivere come sei sempre stato abituato a fare, cercando di toccare qualcosa che era già tangibile prima, e tale sforzo si prolunga per tutta la tua vita fino a quando invecchi senza neppure rendertene conto. Forse ciò accade perché prima che tu riesca a vedere il tuo riflesso allo specchio il cervello impiega alcuni secondi della quale ignori completamente l’esistenza; così finisci come gli anziani non più in grado di ritrovare quella felicità se non nell’istante in cui l’avranno associata al dolore più acuto.

Il dolore sopravviene in noi come una ferita aperta e provoca lo stesso bruciore, soltanto in maniera inversa rispetto alla felicità.

Come un lutto il dolore va elaborato, perché cambia radicalmente il nostro modo di vedere il mondo circostante e di vedere il nostro riflesso e perché banalmente (risulta superfluo ribadirlo), fa male per davvero.

Allora forse dovremmo prendere la felicità per mano quando arriva e non sentirci in colpa perché siamo stati una volta tanto, finalmente, enormemente, FELICI.

Ma vallo a dire alla nostra coscienza che non è così che si fa, lei non vuole mica saperne dei nostri quesiti. Lei ama sentire il dilemma della “colpa” e farti avvertire il disagio, l’inadeguatezza.

Certi dolori ti cambiano, così come certe felicità che ti sei voluto concedere, è innegabile.

Ma proprio per questo motivo si deve abbandonare ogni senso di colpa e vivere la felicità, per quanto essa duri meno del dolore che porterà come lascito del suo passaggio.

Einstein sosteneva che ci sono due modi di vivere la vita: Uno è pensare che niente è un miracolo. L’altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.

È così che voglio pensarla: voglio ringraziare anche il dolore perché è servito a formare ogni mio giorno, ogni frammento di vita che ho compreso proprio grazie a lui perché sono cambiata nel modo migliore in cui si potesse cambiare; ho amato più di prima, ho sorriso sapendo che lui è sempre dietro l’angolo che mi aspetta, ho capito che non devo più tenere nulla dentro di me rischiando di morire dentro, ho compreso che il dolore è vita; la mia vita, la vostra, quella di tutti noi. E non intendo privarmene.

Si guarisce da tutto, anche da un dolore emotivo che ti cambia.

Tenta di realizzare che non sarà lui a nuocerti. È come lo affronterai che cambierà il tuo scenario.

A presto, Letizia T.

 

*Tratta dal film: The Equalizer 2” (2018)

ph: Web

3 pensieri su ““Ci sono due tipi di dolore: il dolore che fa male, e il dolore che ti cambia”.

Rispondi a Chef V. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...