Non ve le meritate le persone per bene.

Risultati immagini per non ve le meritate le persone per bene

 

Fa male, un male cane doverlo ammettere, ma arriva anche quel giorno in cui le persone in cui credevi fermamente ti deludono, nel peggiore dei modi e con le peggiori parole.

Cosa non è andato… te lo chiedi spesso.

Inizialmente si avvicinano tutti spinti dalla tua energia positiva; ti senti felice, amato, ricompensato perché hai sempre vissuto in funzione della preoccupazione (positiva) rivolta verso le persone alle quali hai scelto di volere bene nella tua vita.

Tu hai un bagaglio immenso di insoddisfazione e brutte esperienze nei rapporti umani; tuttavia, in quel momento decidi che aprirti è la cosa giusta ed è tutto bellissimo.

Poi la routine prende il sopravvento sulla bellezza e le persone ci fanno l’abitudine a vederti sempre nello stesso modo; danno per scontato che ci sarai perché non fai altro che ripeterglielo; nulla sembra assumere più la stessa importanza; le tue parole pacate e quell’avere cura addirittura infastidiscono l’altro; improvvisamente ti viene richiesto di uniformarti a un regime diverso perché non gli sta piacendo quello che dimostri di essere; vieni accusato di squilibrio, di disarmonia; ti senti inopportuno senza comprendere il perché; una ferita squarcia i tuoi occhi accerchiati da lacrime pesanti che non vuoi far scendere, così le trattieni nella gola che inizia a bruciare e a fare male.

Rimandi allo stomaco ogni onere di smaltire quel velato dolore che dolore non è; si tratta solo dell’ennesimo mattone che costituirà il tuo IO, ma tu ancora non lo sai; non puoi vedere tanto lontano perché ora non ti senti compreso; perché ora tu senti di essere il problema; perché ora fa male, troppo male realizzare che hai commesso l’ennesimo errore di fidarti di qualcuno.

In fondo dentro di te però, nei meandri delle vocine giuste che ora appaiono lontane, tu sai bene che se quel tuo modo di essere ti ha spinto fin qui, a farti amare da molte persone, è perché non sei tu ad essere SBAGLIATO.

Sono quelli che non ti apprezzano, ad essere SBAGLIATI. Sono loro gli squilibrati.

Ricorda che non è corretto chiederti di modificare il tuo modo spontaneo di esistere, per piacere per forza ad un altro. Anche quello può tramutarsi in una forma di violenza involontaria.

Se qualcuno ti chiede di smettere di preoccuparti per lui, fai una cosa sana: smetti di farlo per davvero, e comincia a chiederti come stai TU.

Non perdere l’equilibrio mai, per una persona. Perdilo solo per te stesso, per planare dall’alto con leggerezza su tutte le cose.

Il resto verrà da sé. Andrai avanti, anche senza la pacca sulla spalla.

Andrai avanti.

CREDICI. Chi ti ama esattamente per come sei, lo farà sempre.

Andrai OLTRE.

Un abbraccio, da una come te.

 

Letizia Turrà

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...